Telemedicina, l’offerta sanitaria oltre ogni barriera

Fonte Usl 6

È stato presentato per la prima volta questa mattina
con la partecipazione del Provveditore dell’amministrazione penitenziaria
della Toscana, Carmelo Cantone, il nuovo progetto di telemedicina che
permette di collegare la struttura di reclusione elbana di Porto Azzurro con la
Dermatologia dell’ospedale di Livorno. Il reparto, in particolare, grazie al nuovo
collegamento può acquisire in tempo reale immagini ad alta risoluzione di presunti
melanomi o altre lesioni o infezioni cutanee e refertarle a distanza senza ricorrere
a spostamenti di professionisti o di detenuti.
“Il progetto – spiega Monica Calamai, direttore generale dell’Azienda USL 6
di Livorno – è il primo passo di una serie di servizi che potranno essere estesi con
questo modalità al di là delle mura del carcere e prende spunto dalla volontà di
assicurare a tutti i cittadini del nostro territorio, ovunque si trovino, uguali
opportunità assistenziali. Offrire questo in strutture particolari come le carceri è
sicuramente una sfida impegnativa, ma siamo convinti che la telemedicina
possa garantire pari dignità non solo ai detenuti malati, ma anche al
lavoro svolto dai nostri operatori all’interno degli istituti ponendo il
cittadino, ovunque si trovi, al centro della nostro servizio”.
Il progetto permette di accedere facilmente a risorse altamente specializzate,
riducendo i tempi di attesa e, in prospettiva, permettendo di estendere la
copertura medica ad aree e luoghi disagiati. “Grazie agli sforzi tecnologici e non
solo compiuti dall’Azienda in tema di telemedicina e di sanità insulare, dove un
ruolo primario è svolto anche dalla sanità penitenziaria – dice Andrea
Belardinelli, responsabile dell’Area programmazione e innovazione
dell’Azienda USL 6 – i cittadini reclusi hanno opportunità sanitarie sempre più
simili a quelle di tutti gli altri. Per assicurare questo abbiamo deciso di
considerare gli ambulatori all’interno delle carceri come nostri presidi
sanitari a tutti gli effetti dotandoli del necessario a partire dalle infrastrutture
come la banda larga che ci permette di far entrare e uscire rapidamente grandi
quantità di dati. Da oggi all’interno del carcere si potranno così creare
cartelle cliniche informatizzate e consultarle come da un altro punto
Azienda USL 6 di Livorno – U.O. COMUNICAZIONE
C/o Presidio Ospedaliero, Viale Alfieri 36, 57124 Livorno – Padiglione 19
Tel. 0586.223745

//

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...