Al via la mostra“Kimono e Samurai”: l’antico fascino del Giappone alla Fondazione Geiger

Fonte ILogo

samurai 8

E’ stata inaugurata sabato 13 con grande successo di pubblico, la mostra “Kimono e Samurai. Il gesto. L’eleganza. Lo spirito” nella Sala Esposizioni della Fondazione Culturale Hermann Geiger, ente morale senza scopo di lucro che opera nella cultura e promozione sociale, in piazza Guerrazzi 32 a Cecina (Li) che rimarrà aperta fino al 15 settembre 2013. Erano presenti il presidente della Fondazione Geiger Giovanni Servi, il direttore artistico Alessandro Schiavetti che ha curato l’esposizione, e i due soci fondatori della Fondazione: Rocco Piermattei e Sybille Geiger. Il percorso espositivo è un viaggio nel tempo che conduce i visitatori nella cultura, nelle tradizioni e nelle arti del Giappone antico. Un percorso espositivo ricco ed affascinante attraverso l’esposizione di armature di samurai del periodo Edo provenienti dalla galleria dell’antiquario milanese Giuseppe Piva e splendidi kimono di fine Ottocento e inizio Novecento dell’atelier Antichi Kimono di Gloria Gobbi, le lame della collezione Paolo Cammelli e vari tipi di accessori. Completano la mostra una serie di preziose stampe ukiyo-e sul tema della donna e del guerriero, gentile prestito del collezionista Giancarlo Mariani. Il tutto presentato attraverso suggestive ricostruzioni scenografiche di case e giardini tradizionali giapponesi, in cui sono inseriti i vari pezzi in mostra. Nella cultura del Giappone le arti incarnano al meglio la ricerca costante di equilibrio e armonia che si esplica nella gestualità netta e controllata del maestro, nella perizia della tecnica. Per questo l’estetica in Oriente è parte integrante della vita quotidiana e l’artista diventa custode geloso di una sapienza appresa con dedizione e impegno e destinata poi a passare nell’allievo meritevole, attraversando le barriere del tempo. La bellezza e la grazia percepibile nelle decorazioni dei kimono, l’indumento tradizionale per donne e uomini giapponesi, la serenità e l’essenzialità che trasmettono dipinti e stampe, la funzionalità e l’imponenza terribile delle armature dei samurai, la deformazione grottesca degli elmi kabuto e delle maschere mempō o l’equilibrio perfetto delle lame, sono tutti aspetti della stessa ricerca estetica. La cesura che sembra insanabile tra la forza e la sfera del maschile e quelle più connesse alla grazia e alla sfera femminile si scopre così non esistere e avere anzi, sempre, una sintesi sublime nella bellezza e nel gesto rituale. “Abbiamo voluto proporre quello che lo zen, tra le tante filosofie orientali quella che forse ha avuto maggiore influenza nel campo delle arti, ha amplificato nel corso della storia – ha spiegato Alessandro Schiavetti – nella sua ricerca di profondità degli elementi dove la libertà e il gesto sono parte integrante dell’arte giapponese nel suo continuo divenire di eleganza e perizia delle tecniche. Il tutto attraverso una ricca collezione di capolavori che fanno capo ad armature, kabuto, mempò, lame, paraventi, tsuba e netsuke, stampe e kimono”.  La mostra è aperta al pubblico tutti giorni dal 13 luglio al 15 settembre ad ingresso libero dalle 18 alle 23. Info: Fondazione Culturale Hermann Geiger, tel. 0586.635011, www.fondazionegeiger.org

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...