Premio Combat 2017, a Livorno va in scena il contemporaneo

Fonte Comune di Livorno

Ottanta artisti, selezionati tra i 1200 provenienti da 54 paesi stranieri, esporranno da sabato 24 giugno fino al 15 luglio al Museo Civico “G. Fattori” di Villa Mimbelli  e in Fortezza Vecchia  per l’ottava edizione del Premio Combat Prize.

Il prestigioso premio di arte contemporanea indetto dall’Associazione Culturale Blob ART e teso ad avviare un’indagine tra le più interessanti proposte della realtà artistica internazionale, è aperto infatti a tutti gli artisti di ogni nazionalità, senza limiti di età, né vincoli tematici.

Cinque anche quest’anno le sezioni proposte dal Premio: pittura, grafica, fotografia, video, scultura e installazione che troveranno spazio nelle bellissime sale di Villa Mimbelli ( fotografia e grafica); negli attigui Granai di Villa Mimbelli (pittura) e nella scenografica Fortezza Vecchia ( scultura e video).

 

L’inaugurazione del Premio Combat Prize edizione 2017, si terrà sabato 24 giugno alle ore 17 a Villa Mimbelli.

 

Due interessanti opportunità completeranno questa ottava edizione : il Premio Speciale Fattori Contemporaneo e il Premio Speciale Art Tracker/Lucca Art Fair, ideati per portare avanti la ricerca artistica e dare continuità al confronto aperto durante la partecipazione al Premio. Il Premio Fattori Contemporaneo, ideato dal Comune di Livorno, prevede che all’artista selezionato  venga offerta la possibilità di essere inserito nella programmazione annuale del Museo Fattori con una mostra personale e la pubblicazione del catalogo. Il Premio “Art Tracker” in collaborazione con Lucca Art Fair, prevede invece che i quattro artisti selezionati tra i finalisti vengano inseriti nella programmazione eventi della fiera 2018 con un progetto curatoriale dedicato.

 

Ecco gli artisti che esporranno.

 

Pittura Enrico Azzolini, Romina Bassu, Chiara Campanile, Francesca Chioato, Antonella Cinelli, Barbara De Vivi, Anna Eleonora Fabrizi, Maurizio Faleni, Ilaria Fasoli, Andrea Fiorino, Francesco Fossati, Francesco Fusi, Giulio Saverio Rossi, Niklaus Manuel Güdel, Judit Horvath Loczi, Jacked, Andrea Lucchesi, Enrico Minguzzi, Floriana Mitchell, Matteo Nuti, Silvia Paci, Marco Pariani, Laura Pedizzi, Ettore Pinelli, Errika Pontevichi, Michele Savino, Federico Severino, Mattia Sinigaglia, Lisa Stefani, Eva Chiara Trevisan.

 

Grafica – Laura Allegro, Kalina Danailova, Goran Dragas, Massimiliano Galliani, Maddalena Granziera, Giorgia Lo Faso, Stefania Mazzola, Vincenzo Merola, More Of Sabs, Fernando Salmon Iza

 

Fotografia – Alessandro Calabrese, Valentina De Rosa, Alessio Deluca, Deva Photographer, Anna Di Prospero, Luca Gilli, Marco Groppi, Giovanni Guadagnoli, Hiroshi Kawazumi, Mayor, Anna Messere, Simone Mizzotti, Samuele Mollo, Gloria Pasotti, Petripaselli, Lorenzo Pingitore, Andrea Santese, Karin Schmuck, Alberto Sinigaglia, Jacopo Valentini

 

Scultura/installazioneMartina Brugnara, Francesco Finotti, Monika Grycko, Giuseppe Inglese, Mat Toan E Pamela Pintus, Simone Monsi, Mauro Panichella, Davide Sgambaro, Silvia Vendramel, Carloalberto Treccani

 

VideoBowman, Pamela Breda, Christina G Hadley, Ana Dévora, Roberto Fassone, Hirokazu Fukawa, Silvia Giambrone, Irene Lupi, Matteo Mezzadri, Victor Valobonsi

 

Le selezioni sono state effettuate da: Walter Guadagnini (direttore CAMERA, Torino, curatore Festival Fotografia Europea, Reggio Emilia), Stefano Taddei (critico e curatore indipendente), Lorenzo Bruni (critico e curatore indipendente), Lorenzo Balbi (curatore Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino), Francesca Baboni (critico e curatore indipendente), Elio Grazioli (critico e docente di storia dell’arte contemporanea e della fotografia, curatore Festival Fotografia Europea, Reggio Emilia), Andrea Bruciati (direttore Villa d’Este e Villa Adriana).

 

INFO

Dove: Museo Civico Giovanni Fattori, ex Granai di Villa Mimbelli, Fortezza Vecchia Livorno

Data: 24 giugno – 15 luglio 2017

Inaugurazione: sabato 24 giugno dalle ore 17alle 19.

Premiazione: sabato 15 luglio alle ore 17,30

Orario: Museo G.Fattori di Villa Mimbelli – dal martedì alla domenica 10-13 e 16-19

Granai di Villa Mimbelli – dal martedì al venerdì 16-19 ; dal sabato alla domenica 10-13 e 16-19; Fortezza Vecchia – dal martedì alla domenica 10-19

Catalogo: Sillabe

Info: Associazione culturale Blob ART Corso Amedeo 118 – Livorno T +39 0586881165C +39 3311303702

www.premiocombat.it

Châtillon, per “Sì, viaggiare” si parla di microimprese nelle favelas

il Gruppo Cultura di Châtillon organizza un’iniziativa nell’ambito della rassegna “Sì, viaggiare – il viaggio di lavoro”. Il titolo è “Lavorare nelle favelas, creando microimprese artigianali e valorizzando le risorse del mondo andino.” Relatrice la dottoressa Carla Nadia Morlotti, che racconterà la sua esperienza conversando con Serenella Brunella. L”appuntamento è per Mercoledì 7 Giugno alle 20.45 nella saletta dell’ex Hotel de Londres.

L’Area Preistorica di Saint Martin de Corléans

Foto: Wikipedia

Aosta capoluogo di provincia della Valle d’Aosta è un luogo dalle origini molto antiche e già dal 3.000 a.C. era popolata. Lo testimoniano alcuni resti megalitici riportati alla luce nel 1969, e che si trovano oggi all’interno della città nell’area preistorica Saint Martin de Corléans.

Lo scrittore e politico aostano Jean Baptiste de Tillier (1678-1744) sosteneva che secondo una leggenda i Salassi che erano una popolazione celtica, che nel II secolo aC. ha abitato Aosta, fossero discendenti dell’eroe mitologico Ercole e che Cordelio figlio di Statulo, proveniente dalla generazione di Saturno, li comandasse allocandosi nella Valle d’Aosta dove avrebbe edificato Cordelia, città sulla quale i Romani fondarono nel 25 a.C. Augusta Praetoria Salassorum appunto l’attuale Aosta.

Sempre secondo de Tillier l’antica città poteva essere situata dove ora sorge l’area megalitica di Saint Martin de Corléans ovvero Site mégalithique de Saint Martin de Corleans che è molto importante e misura 9.821 metri quadrati e prima della sua scoperta era sepolta alla profondità di circa 4-5 metri.

Nel sito sono presenti ritrovamenti di arature rituali risalenti all’età del rame, stele antropomorfe, un enorme tomba ecc.

Nel 2007 sono iniziati i lavori per realizzare il museo di cui è stata inaugurata la prima delle due parti dell’esposizione il 24 giugno 2016. Questa prima parte è suddivisa in sei settori nei quali vengono ricostruiti i vari periodi di scavo in cui sono stati scoperti i resti. Segue un salone, illuminato secondo le differenti ore giornaliere.

Fonti: https://it.wikipedia.org/wiki/Area_megalitica_di_Saint-Martin-de-Corl%C3%A9ans

https://it.wikipedia.org/wiki/Salassi

Fiera del Riuso in piazza XI Maggio, Mercatino di Primavera all’Attias, Brick Lane in piazza XX Settembre

Fonte Comune di Livorno

Sarà una settimana ricca di mercatini in piazza, quella che va dal 3 al 7 maggio. Piazza Attias, piazza XX Settembre, piazza XI Maggio proporranno mercati di ogni genere: ghiotte occasioni per fare shopping e godersi le piazze nelle giornate primaverili.

Mercoledì 3 maggio torna in piazza XI Maggio , piazza Bartelloni (Porta san Marco) la fiera Livorno Crea e Riusacon gli operatori dell’ingegno e l’angolo delle occasioni. Dalle ore 10 alle 19 si potranno acquistare creazioni artigianali, realizzate in molti casi con materiale di recupero vario, così come acquistare oggetti usati, recenti e datati. L’iniziativa è promossa dal CCN “Garibaldi. Antico Borgo Reale”.

Da mercoledì 3 maggio e poi nei giorni successivi ( 4,5,6 e 7 maggio) in piazza Attias sarà la volta del “Mercatino di Primavera”. Promosso dal CCN “In C’entro”, il mercatino prevede 35 gazebo tra artigianato e commerciale. In prevalenza abbigliamento ed oggettistica, ma è prevista anche una postazione alimentare per la vendita del “Lampredotto”. Il mercatino segue l’orario di apertura 9-20 e ogni giorno dalle ore 16 la piazza vedrà rappresentazioni di ballo da parte delle scuole livornesi. Domenica 7 maggio, prima domenica del mese, sono previste anche animazioni per bambini e una sfilata di moda/mare curata dai negozi del CCN.

Giovedì 4 maggio piazza XX Settembre torna ad ospitare il mercatino quindicinale “Brick Lane” proponendo abbigliamento vintage, modernariato, oggetti di design e cibo etnico. Aperto dalle ore 9.30 alle 19.30.
Per gli appassionati di giardinaggio il  5, 6 e 7 maggio, piazza XX settembre si trasformerà in un grande giardino. Nelle giornate del weekend la piazza ospiterà infatti “Piazza XX in fiore”, fiera del florovivaismo  e delle tecnologie ambientali. Oltre 62 espositori per la cura del verde con aree merceologiche diversificate: erbe medicinali, aromatiche, infusi, decotti, oli essenziali;  piante grasse, recisi, orchidee e bonsai; fioriture in vaso,idrocultura, piante acquatiche; giardinaggio (prodotti, macchine, attrezzature), piante ornamentali e da frutto, progettazione e arredo da giardino.  I visitatori potranno anche ricevere consulenze  ed informazioni per la cura del verde, acquistare prodotti e attrezzature. Le iniziative sono entrambi promosse dal CCN “Piazza XX Settembre e dintorni”.

Il Festival di Musica Sacra “Sanctae Juliae”

Fonte Comune di Livorno

Nel mese di maggio si terranno a Livorno tre concerti alla scoperta della Musica Sacra con interpreti internazionali: lunedì 1 nella Chiesa di Santa Giulia, domenica 7 nella Chiesa di Santa Caterina e venerdì 19 in Fortezza Vecchia. Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21, con ingresso libero.

Celebra il terzo anno consecutivo di attività il Festival Internazionale di Musica Sacra Sanctae Juliae ideato e diretto dalla mezzosoprano e pianista Marta Lotti, livornese attiva in campo internazionale e legata profondamente alla sua città e al ricordo di don Lelio Bausani che ne ispirò la creazione.
L’iniziativa è sostenuta dalla Diocesi di Livorno, dall’Assessorato alla cultura del Comune di Livorno, dalla Venerabile Arciconfraternita di Santa Giulia e dalla nuova collaborazione con l’Autorità Portuale di Livorno.
Quest’anno la stagione si inaugura il 1 maggio con un concerto nella Chiesa di Santa Giulia, che prevede brani di autori livornesi, quali Soffredini e Cambini, e toscani quali don Bartolucci e Boccherini di cui saranno eseguiti tre brani per archi a cura del quintetto Kammermusik di Aprilia, con la cui associazione omonima si è rinnovata anche quest’anno la collaborazione e la coproduzione artistica, e lo “Stabat mater” a tre voci soliste e archi che prevede la straordinaria partecipazione del soprano Michela Sburlati, artista di spicco nel panorama internazionale e sostenitrice del Festival dalla sua prima edizione, del soprano slovacca Michaela Kubistelova, nonché del tenore Paolo Bernardi, concertati e diretti dal M° Emanuele Lippi cui una brillante carriera internazionale non impedisce di essere sempre presente nella collaborazione con il FISJ.
Il secondo concerto si terrà domenica 7 maggio, nella Chiesa di Santa Caterina, in memoria di Francesco Cannizzaro, organista e compositore livornese, nel decennale della sua scomparsa. Sarà ospite l’organista laziale Alessandro Alonzi, giovane e brillante musicista dai recenti successi olandesi, e il soprano livornese Bianca Barsanti, splendida specialista del periodo barocco che darà vita a tre cantate di Scarlatti duettando con Danilo Magni alla tromba, altro apporto di qualità al Festival, già in luce tra i giovani solisti della banda nazionale dei Carabinieri e presso l’Accademia di Santa Cecilia a Roma.
La nuova collaborazione con l’Autorità Portuale che incarica il Festival di un evento per la “giornata europea del mare”, si ripropone il sodalizio tra il Festival e l’Associazione Kammermusik di Aprilia, per la coproduzione del “Dido and Aeneas” di Purcell. L’evento avrà luogo il 19 maggio nella “sala cannoniera” della Fortezza Vecchia, per l’occasione teatro della vicenda virgiliana, con i suoi richiami al mare. L’opera fu mirabilmente rivisitata dal poeta inglese A. Pope e musicata da Purcell, in scena alla fine del XVII secolo come prima opera lirica della tradizione inglese che noi vogliamo considerare ideale richiamo a Santa Giulia, le cui origini cartaginesi sono comuni a quelle della sfortunata regina. Immane lo sforzo per tale produzione che è stata resa possibile dalla disponibilità entusiasta di un giovane cast di cui fanno parte voci di provenienza nazionale e internazionale affiancati anche da brillanti ugole livornesi come Marta Lotti, nei panni di Didone. La direzione e concertazione sarà a cura del M° Emanuele Lippi e del quartetto apriliano Kammermusik, affiancato dal pianista Riccardo Toffoli. Le brillanti maestranze apriliane completano il ricco quadro di artisti: la regia di Gianfranco Iencinella, le coreografie di Daniela Bottiglieri e i costumi di Rosalba Rizzuto. Il coro “Incontrocanto” di Ardea diretto da Riccardo Toffoli sarà anche questo anno fedele partner del FISJ.
I ringraziamenti della direzione del Festival vanno a sua Eccellenza Mons. Simone Giusti, Vescovo di Livorno, all’assessore alla cultura Francesco Belais, al Presidente dell’Autorità Portuale di Livorno Stefano Corsini. Fondamentale e preziosa la collaborazione con l’Arciconfraternita di Santa Giulia e con la governatrice Anna Tani Brogi, madrina del Festival dalla sua nascita e che ne ospita il concerto di apertura. Si ringrazia il generoso e fedele sostegno di Umberto Del Corona & Scardigli per Logistic Provider, i nuovi sponsor Agenzia Marittima Ghianda e Paolo Fanucchi.
Il progetto è a cura dell’associazione Musica Ritrovata.

Tutte le informazioni sul sito http://www.musicaritrovata.it
Aggiornamenti real time sulla pagina Facebook: @FestivalSanctaeJuliae

Libri, il 13/4 alla Feltrinelli Barbara Perucca

La Libreria Feltrinelli di Via Di Franco ospita Giovedì 13 Aprile la presentazione di Non voglio ammettere che ti amo, di Barbara Perucca, pubblicato da Helicon Edizioni. Relatore sarà Francesco Mencacci, direttore della Scuola di scrittura creativa Carver. E’ prevista la degustazione dei vini citati nel romanzo, grazie ai Sommelier dell’Ais. L’appuntamento è per le 18.

 

 

Vivicittà. 34°edizione

Fonte Comune di Livorno

Appuntamento fisso del calendario agonistico livornese, domenica 9 aprile si correrà la grande manifestazione podistica Vivicittà, giunta quest’anno alla 34° edizione. Livorno parteciperà, come tradizione, alla “corsa più grande del mondo” in contemporanea ad altre 40 città italiane, 18 città estere e 24 istituti penitenziari.
Atleti professionisti, semplici sportivi della domenica ma anche famiglie si ritroverranno la mattina del 9 aprile al Campo Scuola per avventurarsi in questa storica corsa nel cuore della città e correre tutti insieme per una nobile causa: aiutare i bambini che fuggono dalla guerra in Siria.

Sarà davvero un tuffo nel cuore della città – ha sottolineato l’assessore alla sport Andrea Morini a proposito della manifestazione. “Il serpentone dei  podisti, dopo aver attraversato le vie del centro, penetrerà infatti per la prima volta all’interno della Fortezza Vecchia, percorrendone i meandri in un suggestivo passaggio. Mi auguro che anche quest’anno siano centinaia i livornesi, atleti e non, presenti alla gara; una gara che unisce i valori dello sport e della solidarietà ma anche del rispetto e della tutela delle nostro ambiente e delle nostre bellezze

Vivicittà è promossa ed organizzata  da UISP Terre Etrusco-Labroniche in collaborazione con Livorno Team Running e con il patrocinio del Comune di Livorno. Si svolgerà alle ore 9.30, in contemporanea con tutte le altre città.
Punto di partenza e di arrivo della storica corsa il  Campo Scuola, in via dei Pensieri 31, all’Ardenza.
La gara sarà valida come prima tappa del Trofeo podistico livornese e del Criterium podistico toscano.
Due i percorsi tracciati per dare modo a tutti di partecipare: un percorso competitivo (12 chilometri)  e uno non competitivo (passeggiata ludico-motoria) con tragitto breve di 4 chilometri.

I PERCORSI: il tragitto non competitivo comincerà da via Allende per poi, dopo aver attraversato il quartiere La Rosa, sfociare sul lungomare livornese per un breve tratto, prima di fare rientro in zona Stadio e concludersi al Campo Scuola.
La gara competitiva di 12 km., invece, partirà sempre da via Allende, ma a un certo punto si dividerà dal percorso non competitivo per lanciarsi nel centro di Livorno, attraversando il viale della Libertà, via Marradi e poi a salire fino a piazza Cavour, piazza Grande, Palazzo comunale, quartiere Venezia. A quel punto si verificherà il passaggio dentro la Fortezza Vecchia, come giro di boa di una corsa che poi riprenderà il lungomare in direzione sud fino all’altezza di Villa Letizia, rientrando quindi in via dei Pensieri fino al traguardo presso il Campo Scuola.

ISCRIZIONI: Sono già aperte le pre-iscrizioni (al costo di 5 euro + 5 di cauzione chip) che possono essere effettuate on-line, entro le 24 di venerdì 7 aprile, al seguente indirizzo: www.mysdam.net/store/data-entry_36393.do. In alternativa, sarà possibile recarsi presso il Campo Scuola di Livorno (via dei Pensieri 31) nei giorni di giovedì 6 e venerdì 7 aprile dalle 17.00 alle 19.00.
Saranno, comunque, accettate le iscrizioni anche il giorno della gara fino a 30 minuti prima della partenza al costo di 8 euro + 5 euro di cauzione chip.

VIVICITTÀ tra SOLIDARIETÀ ed ECOLOGIA. Verso una manifestazione a impatto zero. Il Vademecum della Uisp per una organizzazione sostenibile delle manifestazioni sportive è un documento con la cui applicazione si punta a rendere anche VIVCITTÀ un evento sempre più attento al rispetto e alla tutela dell’ambiente. Come? Attraverso una serie di strumenti: recupero e differenziazione dei rifiuti; sostegno all’uso del mezzo pubblico e della bici per raggiungere il luogo della manifestazione; superamento dell’uso dell’acqua minerale in bottiglia; uso di materiali a ridotto impatto ambientale; risparmio energetico.

Vivicittà aiuta i bambini che fuggono dalla guerra in Siria. In collaborazione con la fondazione Terre des Hommes, da sempre impegnata nella difesa dei bambini, la UISP si pone l’obiettivo di realizzare un campo sportivo a Qasr, nel nord ella valle del Bekaa, vicino al confine siriano, con annessa fornitura di materiali sportivi per la pratica di calcio, basket e volley. Inoltre, referenti Uisp realizzeranno un corso di formazione per operatori locali e di Terre des Hommes che lavorano nel nord della Bekaa.Tutto per provare a rispondere alle esigenze e alla voglia di svago dei più giovani abitanti del piccolo paese di Qasr.